• Un 4 stelle al prezzo di 3
    "Un 4 stelle al prezzo di 3"
  • Accoglienza e disponibilità
    "Accoglienza e disponibilità"

Scopri le Marche - Hotel 4 stelle ad Ancona Sud

La terra dei colli dell'infinito e della splendida Riviera del Conero

  • Città di Osimo
    A due passi dall’Hotel Palace del Conero, su un poggio che domina la valle, si situa il centro storico di Osimo. La sua posizione è ottimale sia per il clima favorevole, di cui gode durante tutto l’anno, sia per i panorami mozzafiato, che abbracciano il litorale adriatico fino al Monte Conero, gli Appennini fino a San Marino. Il borgo di Osimo è una fonte di curiosità e stimola a scoprire le sue misteriose origini, con visite sopra e sotto la superficie.
  • Loreto
    Tra le tante possibilità offerte dal paesaggio marchigiano, la cittadina di Loreto rappresenta un’importante meta del turismo religioso per i fedeli cattolici. La Basilica della Santa Casa, uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio nazionale, conserva la celebre reliquia della casa di Nazaret dove la Vergine Maria nacque e visse. Il santuario, pensato per accogliere i pellegrini, è un’opera completata in tre secoli, con la collaborazione di numerosi artisti, tra i quali il Bramante e il Sansovino, ed è arricchita dalla particolare statua della Madonna Nera, protettrice degli aviatori. Numerosi sono i visitatori che durante l’anno giungono in pellegrinaggio a Loreto, dove, oltre all’aspetto puramente religioso, si trovano di fronte a un centro ricco di cultura e di arte. Ne sono testimonianza le opere di pregio esposte nella Pinacoteca e le caratteristiche botteghe artigiane lungo le vie del centro storico.
  • Recanati
    Famosa per essere la città natale di una delle personalità letterarie più importanti nel panorama italiano, Giacomo Leopardi, Recanati è una delle cosiddette “città balcone” delle Marche, grazie alla sua posizione che apre lo sguardo a panorami indiscutibilmente suggestivi. Inutile dire che l’intera città è intrisa della storia del Leopardi, che ha immortalato con le sue opere poetiche alcuni degli angoli cittadini rendendoli veri e propri simboli. Il Palazzo Leopardi, per esempio, casa natale del poeta, è oggi abitato dai discendenti ma aperto al pubblico; oppure ci sono la piazzetta del Sabato del Villaggio, antistante il palazzo, il Colle dell’Infinito, individuato nella sommità del Monte Tabor, il palazzo Antici-Mattei, casa della madre di Leopardi e la Torre del Passero Solitario, che si trova nel cortile del chiostro di Sant’Agostino. Ogni luogo è intriso della poesia e delle atmosfere che hanno accompagnato la vita di Giacomo Leopardi, ma non è l’unica personalità artistica da ricordare. Altra tappa obbligata,infatti, è il Museo Beniamino Gigli, che raccoglie costumi di scena, fotografie e cimeli del grande tenore recanatese. Vista panoramica e patria di grandi personalità artistiche sono le caratteristiche che rendono Recanati uno dei luoghi più belli da visitare nel territorio marchigiano. Recanati ha inoltre suscitato una maggiore curiosita', grazie all'uscita del film "Il giovane favoloso" di Mario Martone, interpretato dall'attore Elio Germano. Il film che parla della vita del poeta Giacomo Leopardi, è stato girato nella cittadina marchigiana ed ha raggiunto un incredibile numero di incassi di oltre 3 milioni di euro e mezzo milione di spettatori.
  • Camerano
    Una delle particolarità dei borghi marchigiani è che spesso c’è molto di più di quello che si vede al primo sguardo. Un esempio è la cittadina di Camerano, antico borgo immerso nei vitigni del pregiato Rosso Conero, che, oltre all’ottima produzione vinicola, è nota per ciò che c’è sotto l’abitato. È percorsa infatti da una serie di gallerie sotterranee, caratterizzate da grotte e nicchie intrise dell’atmosfera storica di un passato misterioso. Quattro sono le grotte principali, che si trovano a circa 20 m di profondità sotto il centro storico e prendono il nome delle famiglie che le han fatte costruire. La Grotta Manciforte è collegata all’omonimo palazzo fin dal 1888, ed è sostanzialmente divisa in due parti: una occupata da una chiesa sotterranea e una più profonda, parzialmente allagata e caratterizzata dalla presenza di stalattiti. La grotta Trionfi, che prende il nome da una delle più prestigiose famiglie di Ancona, è costituita da alcune sale, probabilmente destinate al culto religioso o a riunioni segrete, come suggeriscono alcuni bassorilievi. Le grotte Corraducci, anch’esse sottostanti al palazzo dal quale prendono il nome, si collegano in profondità alla Manciforte, dando vita a una sala particolare composta da 12 nicchie, usata per riunioni segrete o cospirazioni organizzate dalla Massoneria, la quale, nei secoli passati, ha fatto sentire la sua influenza nella città. La grotta Ricotti, infine, ha una connotazione prettamente religiosa, dato che si trova sotto i resti della chiesa di Sant’Apollinare ed inequivocabilmente sembra una chiesa sotterranea, per la presenza di una cripta, un’abside e il simbolo di una croce iscritta in un cerchio che ricorda lo stemma dell’ordine dei Templari. I sotterranei di Camerano sono assolutamente affascinanti sia dal punto di vista geologico e morfologico, sia per i misteri legati a segreti e leggende di massoni o templari, da sempre oggetto della curiosità di molti.
  • Fabriano
    Fabriano è uno dei poli industriali delle Marche, per la sua tradizione nella produzione artigianale della carta e per essere stata inserita nella lista Città creative dell’UNESCO nel 2003. A partire da un paio di castelli presenti nel territorio fabrianese, dopo una serie di vicissitudini e di dominazioni politiche diverse, si è sviluppato il centro storico della città, caratterizzato da una base medioevale, ancora riconoscibile da alcuni edifici. La fama della cittadina, come abbiamo già accennato, proviene dalla secolare produzione di carta, ma è cresciuta negli ultimi anni, grazie alla presenza di alcune delle maggiori case produttrici di elettrodomestici. Non è solo l’aspetto industriale a conferire importanza alla cittadina, ma anche l’arte racchiusa nel lavoro e nelle opere di alcune personalità, tra le quali spicca per fama Gentile da Fabriano, uno dei maggiori esponenti del gotico internazionale. Nel visitare il centro marchigiano, tra i luoghi degni di nota ci sono il Museo della Carta e della Filigrana e la Pinacoteca Civica, dove sono custodite alcune raccolte artistiche di elevato valore.
  • Castelfidardo
    Tra le colline del Conero, la storia e la tradizione musicale hanno il massimo rappresentante in Castelfidardo, borgo immerso nel verde della selva marchigiana, famoso per una storica battaglia risorgimentale e per la produzione artigianale della fisarmonica. Nel 1860, durante i moti risorgimentali, Castelfidardo è stata teatro dello scontro tra l’esercito piemontese e quello pontificio, evento immortalato ancora oggi dal vecchio acquedotto in Piazza Garibaldi, scolpito dall’artista veneziano Vito Pardo. Il luogo della battaglia oggi è occupato dalla dimora storica appartenuta alla famiglia Ferretti. La Villa ospita al suo interno una collezione d’arte italiana molto ricca, che comprende cimeli della famiglia Ferretti, opere d’arte sacra ed opere tipicamente marchigiane. La fama per la cittadina proviene però dalla prestigiosa produzione di fisarmoniche, apprezzate in tutto il mondo e calamita per un discreto turismo, soprattutto di appassionati, che soddisfano le loro curiosità visitando il Museo della Fisarmonica, custode di documenti e reperti relativi alla storia dello strumento musicale. Dall’Hotel Palace, in pochi minuti, si giunge nella storica Castelfidardo, per immergersi in un vero e proprio teatro della storia d’Italia.
  • Offagna
    Considerato uno dei borghi più belli d’Italia, Offagna è situato tra le colline marchigiane con la sua impronta medievale, che ancora caratterizza l’intero centro storico, soprattutto nelle cinta muraria e nella Rocca. Oggi la Rocca, costruita nel 1400 dagli anconetani per proteggere il loro dominio sui territori circostanti, è sede di un museo delle armi antiche, così da mantenere la sua attinenza al campo militare, una raccolta che va dal periodo preistorico ai primi anni del XX secolo. Ma non è la sola bellezza del centro storico, il quale si adorna delle creazioni dell’architetto Andrea Vici, famoso per aver collaborato alla realizzazione della Reggia di Caserta. Le sue opere, come il Monastero di S. Maria della Visitazione e la Chiesa del Santissimo Sacramento, sono state progettate secondo forme limpide ed essenziali, ma soprattutto funzionali. Offagna mantiene vivo il rapporto con il periodo medievale, tuffandosi nel passato in occasione delle annuali Feste Medievali, rievocazioni storiche che mettono in scena le abitudini di vita di quel periodo, coinvolgendo tutti gli abitanti. Se siete appassionati di storia e tradizioni medievali, Offagna è un tappa immancabile nel vostro giro turistico.
  • Musei

    Nelle vicinanze del nostro hotel, la provincia di Ancona offre una grande varietà di musei, per trascorrere momenti immersi nell’arte e nella cultura:

    • Museo Civico di Osimo raccoglie opere della civica raccolta, opere recuperate da chiese in cattivo stato di conservazione, donazioni di privati, e coprono un periodo che va dal XIII secolo fino al XX secolo;
    • Sezione archeologica del Museo Civico conserva manufatti litici dalla preistoria fino all’epoca romana;
    • Museo Archeologico Nazionale delle Marche, all’interno di Palazzo Ferretti ad Ancona, contiene documenti e reperti dell’epoca preistorica e protostorica del territorio marchigiano;
    • Museo Tattile Statale Omero (MM 1351), sempre ad Ancona, è uno dei pochi musei tattili al mondo, nato per promuovere l’integrazione dei non vedenti;
    • Pinacoteca Civica e Galleria d’Arte Moderna, all’interno di Palazzo Bosdari;
    • Museo della città, dedicato alla storia di Ancona;
    • Mole Vanvitelliana, l’antico lazzaretto del porto dorico, oggi principale centro espositivo delle Marche.
Web Marketing e Siti Internet Omnigraf - Web Marketing e Siti Internet